Grotta Guelfa

Vai ai contenuti

Menu principale:

Antichi sapori ai tempi moderni
L’anziano gestore scrutò i tre ragazzi. "Se ve la sentite, vi affido la gestione del ristorante" disse in tono calmo, aspettando la reazione alla sua proposta. I fratelli Caprarella, tre sbarbatelli che insieme non raggiungevano i 70 anni, vinti dalla passione per la gastronomia e il buon vino, lavoravano alla Grotta Guelfa da qualche anno, e mai si sarebbero aspettati che il vecchio gestore avrebbe abbandonato il timone del ristorante e, meno che mai, si sarebbero attesi una proposta del genere.
Secco come un chiodo, Angiolino era una persona dai modi garbati e gran lavoratore, che aveva diretto la Grotta Guelfa per oltre vent’anni. Il ristorante fiorentino era la sua amata creatura. Fu lui a proporre, quando ancora nessuno osava farlo, la tartare di carne. Davanti al carrello allestito con cetriolini e capperi, prezzemolo e sedano, cipollina fresca, Tabasco e Angostura, confezionava il piatto con rara maestria.
Continua a leggere...

Grotta Guelfa è una tappa obbligata per chi, appassionato di buona cucina, ama i piatti più autentici, quelli che conservano il loro legame con le tradizioni e il territorio, ma che non disdegnano le novità più sfiziose. Si può cenare nelle calde e accoglienti salette, oppure nell’ampio portico climatizzato e allestito con brio, in  cui si può mangiare all’aria aperta in qualsiasi periodo dell’anno. Il ristorante sorge presso l’antico Palagio dei Capitani di Parte Guelfa. Da questo angolo di Firenze, che conserva integro il suo carattere medievale, è possibile partire alla scoperta delle bellezze artistiche della città.


     

 
La Grotta Guelfa
Torna ai contenuti | Torna al menu